Gastone Puttini, addestratore cinofilo, figlio d’arte – cioè di Ernesto – lui pure addestratore cinofilo, a sua volta cugino di quel Gianni Puttini, meglio noto come “il mago”, che prima della guerra fu il più noto e riverito dei dresseur, iniziatore di una tradizione di professionisti che portò la cinofilia venatoria italiana a dominare in campo Europeo. Gastone Puttini iniziò ad addestrare cani da ferma negli anni ’50, ma la sua reputazione crebbe soprattutto alla fine degli anni ’60 dopo l’incontro con Cesare Bonasegale. Ma al di là dei successi conquistati sui campi di prove nazionali ed esteri, il suo impegno è stato di insegnare a “capire ed interpretare il Continentale italiano” nella loro peculiare indole che danno tutto di loro, in cambio di un sincero amore. Con Gastone Puttini se ne è andata una parte importante della cinofilia, una cinofilia fatta di interpretazione, di dialogo e di consapevolezza del valore zootecnico che i soggetti selezionati devono avere.

 

Grazie Gastone, perché nel nostro cuore sarai sempre presente.

Ed il ringraziamento viene da tutti i braccofili, per il profondo impegno che hai dimostrato nel far rinascere la nostra amata razza, il Bracco italiano, nella seconda metà del secolo scorso. Un grazie carico di affetto, per la passione e la professionalità che hai profuso in questa opera, quella professionalità ereditata dal mitico Gianni Puttini, da tuo padre Ernesto e da te profusa a piene mani.

Grazie dalla SABI, la Società Amatori del Bracco italiano, di cui sei Socio Onorario e del cui Comitato Tecnico sei stato parte attiva.

Grazie dal C.I.Sp, il Club Italiano Spinoni, per aver preparato e condotto diversi storici Spinoni.

Grazie dal Club del Beccaccino, per il contributo che hai dato come facente parte del suo Consiglio Direttivo.

Grazie dall’APACI – l’Associazione Professionisti Addestratori Cinofili Italiani –  di cui sei stato Socio Fondatore e Presedente.

Grazie dai cinofili milanesi per la magnifica struttura di accoglienza che hai messo a disposizione dei loro cani.

Grazie da Cesare Bonasegale, il caro amico che è stato al tuo fianco nei momenti più impegnativi e con cui hai condiviso molti dei momenti più belli della comune passione.  Anche lui in età avanzata (ha solo due anni meno di te), non è oggi qui a salutarti personalmente perché immobilizzato dal dolore della tua dipartita.

Ciao e grazie, caro Gastone: te lo diciamo oggi e te lo ripeteremo ogni giorno, perché sarai sempre nel nostro cuore, sempre presente fra di noi, ad insegnarci come addestrare al meglio i nostri Bracchi Italiani e Spinoni.

Cesare Bonasegale